E’ consigliabile predisporre una divisione testamentaria? Cioè fare un testamento in modo da dividere i propri beni per eredità. Oppure conviene donare gli immobili ai figli quando si è ancora in vita? Questo articolo ti spiega i pro e contro delle due soluzioni.

 La divisione testamentaria è un’alternativa alla divisione?

I genitori spesso si preoccupano di limitare per quanto possibile il carico fiscale del passaggio dei beni ai propri figli. In particolare dei beni immobili. Molte volte rappresentano la parte più rilevante del patrimonio familiare. Inoltre sono i beni maggiormente esposti a tassazione. Un modo per ripartire i beni tra i figli è quello della divisione testamentaria.  Ci siamo già occupati del testamento divisionale in un altro articolo. Abbiamo spiegato gli aspetti giuridici (art.733 c.c.). Ma da un punto di vista economico è una valida alternativa alla donazione?  Non c’è una risposta univoca e valida per tutte le situazioni. Per fare un esempio. Un bene ricevuto per donazione può creare qualche problema con le banche, se il donatario deve chiedere un mutuo. Inoltre, se ci sono debiti o garanzie, si possono creare problematiche con i creditori. Solo con l’assistenza di un avvocato si possono analizzare tutti questi aspetti.

Donazione e divisione testamentaria: il costo fiscale

Dal punto di vista fiscale, non c’è differenza impositiva tra successione e donazione. Il  carico fiscale  è lo stesso. Alle donazioni di immobili (ed alle successioni) si applicano le seguenti imposte. Qualora dovuta perchè eccedente la franchigia, imposta di donazione. Imposta ipotecaria. Imposta catastale. Registro. C’è un aspetto da considerare. Con la donazione la proprietà passa immediatamente. Le imposte sono dunque calcolate al momento in cui l’atto notarile viene stipulato. E nel caso di divisione testamentaria? Le tasse non sono calcolate il giorno del testamento. Le imposte sono quelle che saranno in vigore nel momento della dichiarazione di successione. Potranno essere più alte o più basse a seconda dell’atteggiamento del legislatore. In questo momento è presente una franchigia piuttosto alta, che limita di molto il carico fiscale. Ma non è detto che questa legislazione di favore rimanga a lungo.

Un’idea: la donazione di nuda proprietà

Qualora si opti per una donazione dei beni ai figli, è possibile trasferire agli stessi solo la nuda proprietà. Riservandosi l’usufrutto. In questo modo il valore della donazione diminuisce e quindi anche il suo costo. Soprattutto se il genitore è relativamente giovane. Si deve infatti sottrarre dal valore dell’immobile quello dell’usufrutto. Quando il genitore donante verrà a mancare, l’usufrutto cesserà automaticamente. Si parla di riunione di usufrutto e proprietà. Occorrerà pagare solo la voltura catastale. Che succede per le imposte locali? L’esenzione di Imu e di Tasi compete all’usufruttuario. Ovviamente solo con riferimento all’abitazione principale. Quindi permane l’esenzione qualora il genitore donante usufruttuario mantiene la propria residenza. Tuttavia, c’è un’altra valutazione da fare. Il genitore, spogliatosi dei beni con donazione, potrà mantenersi per tutta la vecchiaia? Per sottoporsi alle spese per cure o per ricoveri.

Divisione testamentaria: si evitano collazione e riduzione.

Il principale obbiettivo da raggiungere  è quello di evitare liti tra gli eredi. Evitare che le donazioni comportino malintesi tra gli eredi. Cause di divisione con richieste di collazione ed azioni di riduzioni per lesione di legittima. Oppure impugnazioni di testamento. Se si sceglie la donazione, occorre tenere conto dei diritti di legittima degli altri futuri eredi. La legittima spetta agli ascendenti ed ai discendenti. Oltre che al coniuge. Con una divisione testamentaria il problema non sussiste. Altre problematiche e vantaggi sussistono in una pianificazione successoria basata sulla creazione di società immobiliari. Se i beni sono numerosi e si cerca una pianificazione fiscale, la società immobiliare può essere la soluzione migliore.

Lo Studio Legale Forcella Peruzzi

Per venire incontro alle tue esigenze lo Studio Legale Forcella Peruzzi di Padova mette a disposizione la proprie professionalità nel campo delle successioni ereditarie. Potrai far analizzare senza impegno la tua situazione ereditaria. Chiedendoci il servizio gratuito di Risposta mail. O un approfondito colloquio orientativo in studio (€150). Ogni aspetto viene valutato tenendo conto delle peculiarità tecniche ed umane del tuo caso e della speciale competenza dello Studio a tutela dei tuoi diritti. Operiamo direttamente in tutti i tribunali del Veneto: Padova, Venezia, Vicenza, Treviso, Rovigo, Belluno e Verona. Leggi la nostra GUIDA SULLE SUCCESSIONI EREDITARIE (link)

Richiedi una Risposta Mail Gratuita utilizzando il modulo di contatto qui sotto.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Argomento di interesse

Oggetto

Il tuo messaggio

Articoli che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*