Donazioni, fondi patrimoniali, trust ed altri atti a titolo gratuito. L’articolo 2929-bis c.c. consegna efficaci armi al creditore. Esamiamo la norma.

Donazioni, cosa prevede l’art.2929 bis c.c.?

Donazioni, trust, fondi patrimoniali. Sono gli strumenti più utilizzati dai debitori per sfuggire al pignoramento. Anche perché sono atti poco costosi. Già in passato il debitore aveva il problema della revocatoria. Azione regolata dall’art.2901 c.c. Nel 2015 è stata introdotta una nuova norma. Allo scopo di limitare la sottrazione di beni con strumenti a titolo gratuito. Parliamo dell’art.2929 bis c.c. Ecco il titolo della norma. “Espropriazione di beni oggetto di vincoli di indisponibilità o di alienazioni a titolo gratuito”.

Spiegazione in termini semplici della norma

Ci sono state donazioni o altri atti a titolo gratuito da parte del debitore. Il creditore può pignorare direttamente il donatario. Cioè colui che ha ricevuto la donazione. Le condizioni?  Le donazioni devono essere avvenute dopo la creazione del titolo esecutivo. Cioè il decreto ingiuntivo o la sentenza. Oppure, il pignoramento deve avvenire entro un anno dall’atto a titolo gratuito. La procedura è quella dell’espropriazione presso il terzo proprietario. Chi ha ricevuto il bene gratuitamente può opporsi. Con la procedura di opposizione all’esecuzione ex artt. 615 c.p.c.

I presupposti che vanificano le donazioni: riassunto

Il nuovo articolo 2929-bis c.c. può pignorare direttamente. Nonostante donazioni ed altri atti di disposizione. Ma solo se ci sono i seguenti presupposti:

  • L’atto dispositivo del debitore deve essere gratuito. Come donazioni, trust, vincoli di destinazione, fondi patrimoniali.
  • L’atto pregiudizievole deve avere ad oggetto beni mobili immobili. O beni registrati.
  • Il credito deve essere precedente rispetto all’atto dispositivo.
  • Il titolo esecutivo deve essersi ovviamente già formato. Parliamo di decreto ingiuntivo, sentenza, ruolo esattoriale
  • Il pignoramento va trascritto entro un anno dalla data di trascrizione dell’atto dispositivo.
  • Il debitore deve essere consapevole del pregiudizio arrecato al creditore.

Alcune osservazioni e precisazioni

Abbiamo esposto i punti principali della norma. Vediamo alcuni aspetti poco chiari. Alcuni interrogativi . Con la promessa di informarvi della nuova giurisprudenza. E’ sempre così con le norme nuove. L’interpretazione della norma è inizialmente mutevole,

Quali sono gli atti a titolo gratuito ?

“Alienazione a titolo gratuito”: cos’è? La parola alienazione è utilizzata negli atti onerosi. Al limite nelle donazioni.  La norma è applicabile per altri atti gratuiti? Ad esempio i fondi patrimoniali. Si pensa di si. Si ritiene che l’articolo 2929 bis c.c. riguardi però solo gli atti formalmente gratuiti. Vi rientrano dunque le sole donazioni notatili. Con atto pubblico e testimoni. Non rientrano donazioni simulate da vendite. Non rientrano donazioni indirette. Un avvocato quindi è in grado di realizzare donazioni che sfuggono all’art.2929 bis c.c. Con buona pace del creditore.

 

Come scegliere l’avvocato?

Hai l’idea di proteggere il tuo patrimonio nell’interesse tuo e della tua famiglia. Conviene rivolgersi ad un professionista specificamente competente in questa materia, con collegamenti permanenti con tributaristi e revisori contabili. Il nostro studio legale ha come area di operatività Padova, Venezia, Treviso, Vicenza e Rovigo. Ma siamo in grado si assistere clientela anche da altre regioni. Hai scelto il nostro Studio Legale Forcella –Peruzzi? Allo scopo abbiamo predisposto i servizi di Risposta Mail ed Analisi Legale Gratuita in Studio. Parlaci della tua situazione. Dei tuoi obbiettivi. Analizzeremo la caratteristica del tuo patrimonio. Dopo questo primo passo, ti daremo le soluzioni finanziarie-fiscali-civili. Sulla base delle molte variabili.

Articoli che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*