La successione legittima o “ab intestato”

La successione legittima è quella senza testamento. Possono contemporaneamente convivere una successione legittima ed una successione testamentaria. Ciò avviene quando il testamento non “copre” tutti i beni relitti. Cioè i beni residuati al momento della morte del testatore. Ad esempio, quando il testatore dispone degli immobili, ma non del denaro contenuto sul conto corrente. In questo caso, ci sarà una successione testamentaria sugli immobili e una successione legittima sul denaro. Il denaro sarà in comunione indivisa. E per dividerlo occorrerà applicare le regole sulla divisione ereditaria. Tra cui la collazione (restituzione delle donazioni) nella divisione della comunione ereditaria.

Le categorie di successibili

Ci sono cinque categorie di soggetti che possono ereditare nella successione legittima:

  1. il coniuge
  2. i discendenti
  3. gli ascendenti e i collaterali
  4. gli altri parenti
  5. da ultimo lo Stato

Le quote spettanti a ciascun erede sono indicate dagli artt. 565 ss del codice civile. Scarica lo SCHEMA pdf  con la ripartizione delle quote nella successione legittima. Oppure continua a leggere. Due ipotesi: se manca o se c’è il coniuge.

Se manca il coniugesuccessione legittima disponibile avvocato
  • Se, in assenza di coniuge, ci sono i figli, questi ereditano in parti uguali.
  • Qualora non vi siano figli, fratello o sorelle o loro discendenti, succedono i genitori in parti uguali.
  • Se non vi siano nemmeno i genitori, succederanno per metà gli ascendenti della linea materna e per metà della linea paterna.
  • Nel caso gli ascendenti siano di grado diverso, il grado più vicino esclude gli altri.
  • se muore senza figli, genitori o ascendenti, succedono i fratelli e le sorelle in parti uguali: i fratelli e sorelle unilaterali succedono per metà della quota;
  • nel caso di concorso tra genitori e fratelli e sorelle, sono ammessi tutti ed i genitori avrà almeno la metà del patrimonio. Nel caso in cui i genitori non possano o non vogliano venire alla successione e vi sono ulteriori ascendenti, il patrimonio si devolverà a loro;
  • Mancando discendenti, ascendenti, fratelli e sorelle o loro discendenti, la successione si devolverà in favore dei parenti entro il sesto grado (figli dei cugini)
Se c’è il coniugesuccessione testamento divisione quote

Se vi è un coniuge, le quote sono diversamente distribuite. Premettendo che non gli deve essere addebitata una eventuale separazione.

  • Se il coniuge concorre con i figli, egli ha diritto alla metà dell’eredità nel caso in cui concorra con un solo figlio
  • Quando vi sono più figli, il coniuge ha diritto ad un terzo
  • Se non ci sono figli e il coniuge concorre con ascendenti, fratelli e sorelle. Al coniuge sono devoluti i due terzi dell’eredità, salvo il diritto ad un quarto degli ascendenti;
  • Se non ci sono figli, né ascendenti. Il coniuge prende l’intera eredità.

Per i diritti del coniuge in caso di successione legittima, guarda cassazione sezioni unite 4847/2013. Oppure il nostro articolo su tutti i diritti del coniuge nell’eredità (link).

Contatta senza impegno lo studio legale Forcella – Peruzzi

Vuoi verificare il tuo caso concreto? Intendi verificare i tuoi diritti? Vuoi sapere se puoi tutelarli? Successione legittima, testamentaria o necessaria? Divisione ereditaria? Pianificazione dell’eredità? Lo Studio Legale Forcella Peruzzi di Padova mette a disposizione la proprie professionalità nel campo delle successioni ereditarie. Potrà analizzare senza impegno la tua situazione. Con il servizio di risposta mail gratuita o con un colloquio informativo in studio. Ogni aspetto viene valutato tenendo conto delle peculiarità tecniche ed umane del tuo caso e della speciale competenza dello Studio a tutela dei tuoi diritti. Vedi la nostra guida generale sulle successioni.

Richiedi una Risposta Mail Gratuita utilizzando il modulo di contatto qui sotto.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Argomento di interesse

Oggetto

Il tuo messaggio