Rinuncia a eredità per debiti

Rinuncia a eredità per debiti, è uno strumento efficace per proteggere i nostri beni? Quali azioni dobbiamo temere dal creditore? Come premunirci e tutelare il patrimonio?

rinuncia a eredità debiti creditore successioni

Il caso analizzato è quello di un chiamato all’eredità con debiti. Una situazione che crea molteplici problemi. Il primo. Nasce una comunione ereditaria e gli altri eredi potrebbero essere invischiati in un pignoramento. E nella conseguente esecuzione. Il secondo. L’erede perde i beni ereditati a vantaggio del creditore. I molti pensano allora alla rinuncia a eredità.

Una situazione comune, in un’epoca di crisi economica

Un familiare chiamato all’eredità ha debiti. E’ una situazione oggi molto comune. Vediamo il codice civile. Prevede che il creditore possa pignorare anche la quota ereditata. Una quota spesso in comunione con altri eredi. Ma la quota ereditata può essere pignorata solo dopo l’accettazione dell’eredità. In altre parole. Se non c’è accettazione si è solo “erede potenziale”. Non avendo acquisito alcun bene non si può essere pignorati. Di qui l’idea della rinuncia a eredità.

Una “furbizia” spesso utilizzata, la rinuncia a eredità

Uno dei coeredi ha molti debiti. Con banche. Oppure con il fisco o con creditori vari.  Con l’accettazione, l’immobile ricevuto in successione sarebbe certamente pignorato. Un unico dubbio. La vendita all’asta coinvolgerà l’intero immobile o la sola quota. Di qui l’idea di architettare una “furbizia”. Se così la vogliamo chiamare. La rinuncia a eredità. Che comporta l’acquisto dei beni da parte dei propri figli (i discendenti). I suoi creditori possono mettere le mani sui beni?

La rinuncia a eredità in presenza di debiti? E’ possibile?

Effettivamente è ammessa la rinuncia a eredità anche in presenza di debiti. Con dichiarazione del notaio. O nella cancelleria del tribunale. La rinuncia a eredità può avvenire anche se lo scopo è solo quello di evitare un pignoramento. Vedi link sentenza. Attenti però. Una volta accettata l’eredità non si può più tornare indietro. L’accettazione è irrevocabile.

Teoricamente i creditori possono opporsi alla rinuncia a eredità. Costoro possono fare una causa per impugnare questa scelta del loro debitore. L’azione è regolata dall’art.524 del codice civile.

Se taluno rinunzia, benché senza frode, a un’eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l’eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti.

Il diritto dei creditori si prescrive in cinque anni dalla rinunzia.

Un espediente per complicare la vita ai creditori

Cosa fare per evitare l’azione dei creditori ex art. 524 c.c.? O almeno per rendere l’azione più complicata? L’azione dei creditori non può essere esperita quando la rinuncia provenga da un legittimario pretermesso. Cioè quando ci sia un testamento che lo escluda dalla eredità. Il pretermesso non è un chiamato all’eredità. E’ un chiamato solo dopo l’accoglimento dell’azione di riduzione. (Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 20562 del 29 luglio 2008).  Rivolgetevi ad un avvocato esperto in successioni e pianificazione successoria. Saprà indicarvi una strada per rendere effettiva la rinuncia a eredità.

Lo Studio Legale Forcella Peruzzi di Padova mette a disposizione la proprie professionalità nel complesso campo delle successioni ereditarie, del diritto immobiliare e della protezione patrimoniale.

Fai analizzare la tua situazione in un approfondito Colloquio Orientativo, in studio, al telefono o in videochiamata, in cui ascolteremo il tuo racconto e ti prospetteremo le possibili soluzioni giuridiche sulla base della nostra competenza ed esperienza in queste materie.

Vai al Colloquio Orientativo  

 

Hai un semplice dubbio in materia di successioni ereditarie, diritto immobiliare, tutela del patrimonio? Vuoi conoscere nello specifico i nostri servizi? Hai delle esigenze particolari? Mandaci una breve mail. Ti forniamo entro 3/4 giorni risposta mail gratuita e non impegnativa, predisposta da un avvocato dello Studio Legale Forcella Peruzzi di Padova.  

Vai a l’Avvocato Risponde

 

Se hai bisogno invece bisogno di promuovere un giudizio in materia di successioni ereditare, diritto immobiliare o tutela del patrimonio, o hai ricevuto una convocazione in mediazione o un atto di citazione in queste materie, lo Studio opera in tutti  tribunali d’Italia, direttamente o tramite i nostri domiciliatari.

Vai ad Attività giudiziale

 

Se invece sei un erede o un chiamato all’eredità e devi presentare la dichiarazione di successione vai direttamente alla pagina dichiarazione di successione 

Vai a dichiarazione di successione